Auguri 2018 con 1337 LEET

GLI AUGURI DAMSS
QUEST’ANNO SI ARRICCHISCONO DI UN NUOVO LINGUAGGIO IN UNA FORMA MOLTO CREATIVA E ORIGINALE.
UNA FORMA ERMETICA ED ANCHE MOLTO LEGGIBILE.
BUONA CREATIVITA’ A TUTTI.

 

6L1 4U6UR1 D4M55
QU357’4NN0 51 4RR1CCH15C0N0 D1 UN NU0V0 L1N6U46610 1N UN4 F0RM4 M0L70 CR3471V4 3 0R161N4L3.
UN4 F0RM4 3RM371C4 3D 4NCH3 M0L70 L366181L3.
8U0N4 CR3471V174’ 4 7U771.

 

IMG_20180101_175720

 

Il leet è una forma codificata di inglese caratterizzata dall’uso di caratteri non alfabetici al posto delle normali lettere, scelte per la semplice somiglianza nel tratto.
Il termine ha origine dalla parola “élite” che in inglese si pronuncia simile “a leet”, e si riferisce al fatto che chi usa questa forma di scrittura si distingue da chi non ne è capace.
A leet vuole intendere un mondo migliore di qualunque altro.
Il leet affonda le sue radici nella sottocultura di Internet. Spesso l’intenzione era quella di far comprendere certi messaggi solo a certi utenti anche in una stanza pubblica. Il leet nasce anche dall’esigenza di memorizzare password di senso compiuto troppo facili da ricordare ma difficilmente riconoscibili.
Inoltre i SysOp (sistemi operativi) delle vecchie BBS effettuavano controlli sui file disponibili per verificare che non vi fosse materiale illegale. Per velocizzare le ricerche non esaminavano file per file bensì effettuavano ricerche sui nomi. Il l33t era un modo valido per rendere il file riconoscibile a chi lo cercasse, mentre sfuggiva alle ricerche dei SysOp.
Leet è usato anche come sinonimo di bravura fuori dall’ordinario, nell’ambito dei videogiochi online e dell’hacking.